ULE Carte Visionarie

Arte e cultura
Condividi
Il progetto di Daniele Papuli, un racconto visionario attraverso la carta, l’acqua e l’inchiostro, inaugura la stagione 2020 di Assab One
Il progetto di Daniele Papuli, un racconto visionario attraverso la carta, l’acqua e l’inchiostro, inaugura la stagione 2020 di Assab One

Avviso: Tutti gli eventi, gli spettacoli, i concerti segnalati da Mymi.it per questa settimana sono soggetti a variazioni o cancellazioni per le misure di prevenzione da Coronavirus. Vi suggeriamo di controllare caso per caso.

Assab One apre la stagione 2020 con il progetto di Daniele Papuli “ULE Carte Visionarie”, che torna a rievocare gli elementi che hanno fatto la storia della sua sede dove si stampavano e si confezionavano libri.

ULE è un racconto visionario attraverso la carta, l’acqua e l’inchiostro. 

Il video. Duecentottantacinque metri di carta leggera uso scontrino che l’artista Daniele Papuli ci invita a guardare come la pellicola di un film. Un progetto che risale al 2009 con l’inchiostratura di 19 bobine ora selezionate e raccolte in sette titoli: ule, respiri, mondi, voli, viaggi, evanescenti, distanti.

Le sculture, fatte di carte di vario tipo, indurite dalla stratificazione e dalla assorbenza del colore, si rivelano come forme arcaiche affioranti, estrapolate dal racconto. Si vestono di sfumature, di aloni, di segni e disegni e si fanno visionarie. Papuli dà loro il nome di “Cuti” che, nel dialetto salentino, significa di concrezione dura.

Ma ULE è un’esperienza che investe altri sensi. Il suono o meglio i suoni che accompagnano la visione sono registrazioni eseguite con grandi fogli di carta, lamelle, strisce, veline o di grammatura più pesante, stropicciate, accartocciate, strappate come fa un rumorista che combina immagine e suono, in questo caso macchia e vibrazione.

ULE è un progetto a più mani. Quelle dell’artista che affondano nella materia e ne scova anche le sonorità, quelle di Gianni De Rosa che pizzicano, saltellano e scorrono libere sulle corde tese della sua viola e quelle di Renato Ferrero che pazienti impaginano immagini, suoni, silenzi.

Inaugurazione: giovedì 27 febbraio 2020, dalle 18.00
con performance live sonora

In mostra dal 28 febbraio al 15 marzo 2020
Orari: dal martedì al venerdì, 16.00-19.00
(Ingresso con tessera)

Vuoi essere sempre aggiornato sugli eventi imperdibili di Milano?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI MYMI!

Do il consenso al trattamento dei miei dati personali finalizzato alla fornitura del servizio con le modalità indicate nell'informativa.*

Data e luogo

Dal 27 febbraio 2020 - 18:00
al 15 marzo 2020 - 19:00
Assab One, Via privata Assab 1, Milano
Arte e cultura
Condividi

Articoli Correlati

Il film-racconto dove Michelangelo Pistoletto dialoga con Alberto Fiz e Anna Zegna in visione gratuita su vimeo.com per 24 ore a partire da venerdì 10 aprile alle 11.00

Arte e cultura

10/04/2020



07/05/2020
09:30
Mudec, 56, Via Tortona, Zona Tortona, Milano

Tina Modotti. Donne, Messico e Libertà

Al Mudec di Milano, in mostra la fotografa che ha lasciato un’impronta indelebile nella storia contemporanea

Arte e cultura

07/05/2020



11/09/2020
00:00
Fieramilanocity, Via Nicodemo Tranchedini, Portello, Milano, Lombardia, 20149, Italia

Miart e Milano Artweek edizione 2020

A settembre il mondo dell’arte sarà a Milano

Arte e cultura

11/09/2020

© Copyright Mymi - Powered By