The Colouring Book: una speciale opera d’arte digitale

Arte e cultura
Condividi
Sul sito e sui canali social del Mudec uno speciale digital wall: una grande opera d’arte collettiva con centinaia di disegni sul nostro bisogno d’arte
Sul sito e sui canali social del Mudec prende vita uno speciale digital wall: una grande opera d’arte collettiva realizzata con centinaia di disegni che riflettono il nostro bisogno d’arte

Dal 19 gennaio sui sito e sui canali social del Mudec sarà visibile una grande opera collettiva realizzata da centinaia di disegni raccolti durante la call to action del Museo lanciata in occasione della pubblicazione di “The Colouring Book”.

Il volume – a cura di Rossella Farinotti e Gianmaria Biancuzzi ed edito da 24 ORE Cultura – raccoglie 150 disegni, da colorare e rielaborare, realizzati dai più visionari artisti contemporanei coinvolti in un progetto inedito che ha preso vita durante il lockdown.

Il libro rappresenta un importante momento di riflessione e solidarietà da parte della comunità artistica, ma anche un grande messaggio di speranza, soprattutto per le generazioni future.

Tra gli artisti che hanno partecipato alla realizzazione di The Colouring Book: Maurizio Cattelan, Nico Vascellari, Patrick Tuttofuoco, Adrian Paci, Emilio Isgrò, Vedovamazzei, Goldschmied & Chiari, Marzia Migliora, Nathalie Du Pasquier, Chiara Dynys, Ugo La Pietra.

Perché abbiamo bisogno d’arte?

The Colouring Book mudecPartendo da questo progetto, Mudec Education ha coinvolto la propria community virtuale in uno speciale social contest per rispondere ad una domanda solo in apparenza semplice: “perché abbiamo bisogno d’arte?”.

Studenti, giornalisti, docenti, ma anche molti artisti e illustratori, si sono cimentati nel re-interpretare la copertina del libro con il disegno di “L.O.V.E” creato da Maurizio Cattelan per “The Colouring Book”. Per farlo, hanno utilizzato la tavolozza del proprio vissuto personale in un dialogo diretto con l’opera. Si ritrova l’uso del colore, il commento della parola, l’evocazione poetica, l’inserimento di frammenti materiali e di altre immagini e qualsiasi tecnica, anche digitale tramite smartphone, tablet o computer.

Dalle singole opere dei partecipanti ne è scaturito uno speciale mosaico digitale a creare una mappa emozionale in grado di restituire valori e sentimenti legati al nostro bisogno di arte, insieme ad una riflessione personale ed emotiva sul particolare momento storico che stiamo vivendo.

Tutte le immagini delle opere che andranno a comporre il digital wall saranno accompagnate da una raccolta di frasi, risposte e pensieri più significativi emersi dal contest. Speranza, rivincita, crescita, conforto, libertà, innovazione sono fra le principali parole chiave emerse.

I lavori dei partecipanti resteranno visibili sul sito e sui canali social del Mudec per offrire una panoramica attuale sul significato dell’arte nella nostra quotidianità e per estendere la riflessione al pubblico.

Tutte le info su: www.mudec.it

#thecolouringbook

Vuoi essere sempre aggiornato sugli eventi imperdibili di Milano?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI MYMI!

Do il consenso al trattamento dei miei dati personali finalizzato alla fornitura del servizio con le modalità indicate nell'informativa.*
Arte e cultura
Condividi

Articoli Correlati



28/02/2021
11:00
Scalo Lambrate, Via Pietro Andrea Saccardo 22, Milano

Fabrizio Spucches – Once upon a time in 2020

Allo Scalo Lambrate la prima personale di Fabrizio Spucches, oltre 100 fotografie che raccontano in modo surreale la realtà della pandemia

Arte e cultura

28/02/2021



02/03/2021
10:00
Palazzo Reale, Piazzetta Reale, Milano

Le Signore dell’Arte. Storie di donne tra ‘500 e ‘600

A Palazzo Reale la prima grande mostra dedicata alle “Signore dell’Arte”, magnifiche artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600, oggi finalmente tornate a risplendere

Arte e cultura

02/03/2021



25/02/2021
18:00
Studio d’arte Cannaviello, Piazzetta Bossi 4, Milano

Giosetta Fioroni

Lo Studio d’arte Cannaviello dedica due mostre all’artista romana Giosetta Fioroni, la prima con inaugurazione il 25 febbraio

Arte e cultura

25/02/2021



02/03/2021
14:00
Fondazione Prada, Largo Isarco 2, Milano

Simon Fujiwara – Who the Bær

Un orsetto alla ricerca del proprio sé in un mondo fiabesco e inquietante. Con l’installazione site-specific di Simon Fujiwara, Fondazione Prada riapre al pubblico

Arte e cultura

02/03/2021

© Copyright Mymi - Powered By