Spostamenti tra le regioni dal 3 giugno. Ma la Lombardia?

MyMi News
Condividi
Dal 3 giugno riaprono le 'frontiere' tra le regioni d'Italia, ma per Lombardia - e non solo - potrebbe esserci il rinvio di una o due settimane
Dal 3 giugno riaprono le 'frontiere' tra le regioni d'Italia, ma per Lombardia - e non solo - potrebbe esserci il rinvio di una o due settimane

«In termini generali si è ritenuto opportuno attendere quantomeno il flusso dei dati fino a giovedì per effettuare valutazioni più circostanziate».

È quanto si legge nella nota congiunta del ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia e del presidente della Regione Attilio Fontana; in merito agli eventuali spostamenti extra regionali diffusa al termine dell’incontro che si è tenuto a Palazzo Lombardia.

Insomma, dal 3 giugno, a livello nazionale, è praticamente certo che saranno autorizzati gli spostamenti tra le diverse regioni d’Italia, ma per alcune resta l’incognita.

Insieme alla Lombardia, infatti, anche Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna rischiano di rimanere ‘chiuse’ per un’altra settimana, forse due.

Zone dove il rischio di contagio è risultato meno sotto controllo. La decisione verrà comunicata venerdì 29 maggio, appunto dopo il bollettino dei dati relativo al Covid-19 di giovedì.

Una decisione che il governo potrebbe prendere anche per andare incontro alle richieste di alcuni regioni, soprattutto del sud e delle isole, che non vogliono rischiare un’ondata derivante dagli arrivi da altre regioni più a rischio.

Il rinvio di queste aperture non dovrebbe comunque superare le due settimane, in modo da consentire a tutti gli italiani di muoversi in vista delle vacanze estive.

Vuoi essere sempre aggiornato sugli eventi imperdibili di Milano?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI MYMI!

Do il consenso al trattamento dei miei dati personali finalizzato alla fornitura del servizio con le modalità indicate nell'informativa.*
MyMi News
Condividi

Articoli Correlati

© Copyright Mymi - Powered By