Shozo Shimamoto

Arte e cultura
Condividi
Una grande mostra personale dedicata all'artista giapponese co-fondatore del movimento Gutai (concretezza) alla Cardi Gallery di Milano
Una grande mostra personale dedicata all'artista giapponese co-fondatore del movimento Gutai (concretezza) alla Cardi Gallery di Milano

La Cardi Gallery di Milano inaugura martedì 18 febbraio la grande mostra personale dedicata all’artista giapponese Shozo Shimamoto (Osaka, 1928-2013), co-fondatore con Jiro Yoshihara del movimento Gutai (che significa ‘concretezza’).

Questa esposizione, attraverso un importante corpus di opere, mira a valorizzare la più tarda produzione dell’artista, che Rosanna Chiessi, fondatrice e presidente dell’Associazione Shozo Shimamoto fino alla sua scomparsa, ha supportato attraverso l’organizzazione di molte delle performance che hanno reso il maestro celebre in tutto il mondo.

Con il “Manifesto Gutai del 1956” e “Per una messa al bando del pennello”, scritto dallo stesso Shimamoto nel 1957, si delineano i riferimenti (tra i quali l’action painting di Pollock) e gli intenti di questa esperienza artistica: l’arte è azione, l’atto di dipingere è autonomo rispetto al risultato che ambisce a raggiungere, l’arte si fa evento.

Le performance outdoor di Shimamoto sfociano in vere e proprie installazioni ambientali, in cui l’interazione con il visitatore e con lo spazio circostante superano la dimensione contemplativa dell’opera e introducono un’esperienza attiva alla fruizione.

L’idea di Shimamoto è ricondurre il colore alla dimensione di materia, alla fisicità di elemento cromatico non più percepito come veicolo della rappresentazione. Shimamoto sceglie di utilizzare uno strumento intermediario che distanzi l’artista dalla materia cromatica e metta in gioco il caso per annullare la personalizzazione dell’espressione artistica.

Il risultato della sua tecnica, definito ‘bottle crash’, è una vera esplosione cromatica. Specialmente nell’ultimo decennio della sua produzione, le azioni di ‘bottle crash’ assumono una particolare configurazione sia per quanto riguarda il rapporto tra evento e opera, sia per la dimensione emotiva connessa all’azione. Si tratta infatti di momenti rappresentativi e spettacolari, veri e propri atti sociali, che prevedono la produzione di quadri quale loro esito.

Vernissage: martedì 18 febbraio 2020, ore 19.00
In mostra dal 19 febbraio al 10 luglio 2020
Orari: da lunedì a venerdì 10.00-19.00 ; sabato 11.00-18.00
Ingresso libero

Vuoi essere sempre aggiornato sugli eventi imperdibili di Milano?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI MYMI!

Do il consenso al trattamento dei miei dati personali finalizzato alla fornitura del servizio con le modalità indicate nell'informativa.*

Data e luogo

Dal 18 febbraio 2020 - 19:00
al 10 luglio 2020 - 19:00
Cardi Gallery, Corso di Porta Nuova 38, Milano
Arte e cultura
Condividi

Articoli Correlati



11/09/2020
00:00
Fieramilanocity, Via Nicodemo Tranchedini, Portello, Milano, Lombardia, 20149, Italia

Miart e Milano Artweek edizione 2020

A settembre il mondo dell’arte sarà a Milano

Arte e cultura

11/09/2020



10/10/2020
09:30
Fabbrica del Vapore, Via Giulio Cesare Procaccini 4, Milano

Frida Kahlo. Il Caos Dentro

Un viaggio emozionante e multimediale a 360 gradi nel mondo di Frida Kahlo arriva a Milano a ottobre 2020

Arte e cultura

10/10/2020

© Copyright Mymi - Powered By