Ren Hang, photography

Arte e cultura
Condividi
Per la prima volta a Milano oltre 80 fotografie, video, libri e riviste di uno dei più importanti fotografi della Cina contemporanea, Ren Hang
In mostra per la prima volta a Milano una selezione di oltre 80 fotografie, video, libri e riviste di uno dei più importanti fotografi della Cina contemporanea

La Fondazione Sozzani presenta da sabato 12 settembre la mostra “Ren Hang, photography” per la prima volta a Milano.

Con oltre ottanta fotografie, video, libri e riviste, la retrospettiva è dedicata a uno dei più importanti fotografi della Cina contemporanea, tragicamente scomparso nel 2017 a soli ventinove anni.

La fotografia di Ren Hang è un inno all’uomo, al suo corpo, alla sessualità, alla bellezza e alla vulnerabilità. Le sue immagini mettono in relazione i sentimenti, i desideri, le paure e la solitudine delle giovani generazioni in Cina in modo quasi ironico, attraverso la loro corporeità.

Il nudo è al centro del suo lavoro perché, racconta Ren:

«gli esseri umani vengono al mondo nudi, quindi il corpo nudo rappresenta la versione originaria delle persone. Fotografando nudi, si coglie l’esistenza più reale e autentica».

REN HANG mostra milanoDopo aver lasciato l’università per dedicarsi alla fotografia, comincia a scattare con piccole macchine fotografiche compatte da 35mm, maneggevoli ed economiche, che confessa di rompere abitualmente. Ne fa un uso quasi ossessivo, scattando incessantemente.

Le sue fotografie sono dolorosamente provocatorie, a volte sognanti e surreali, con una forte resa grafica.

Ren ha pubblicato quasi una ventina di libri autoprodotti, oggi diventati da collezione.

Ren Hang aveva un blog, “My depression”, che aggiornava quasi quotidianamente dal 2007 al 2016 con un diario di poesie in mandarino, pubblicate per la prima volta in inglese dall’editore BHKM di Hong Kong, con il titolo “word or two” nel 2017.

Proprio la depressione, che lui definiva “My dog”, lo porterà al suicidio.

Inaugurazione: sabato 12 settembre 2020, dalle 15.00 alle 20.00

In mostra dal 13 settembre al 29 novembre 2020
Orari: tutti i giorni, dalle 11.00 alle 20.00

Ingresso libero (nel rispetto delle misure di sicurezza sanitarie e modalità di accesso)

Vuoi essere sempre aggiornato sugli eventi imperdibili di Milano?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI MYMI!

Do il consenso al trattamento dei miei dati personali finalizzato alla fornitura del servizio con le modalità indicate nell'informativa.*

Data e luogo

Dal 12 settembre 2020 - 15:00
al 29 novembre 2020 - 20:00
Fondazione Sozzani, Corso Como 10, Milano
Arte e cultura
Condividi

Articoli Correlati



31/10/2020
16:00
Fabbrica del Vapore, Via Giulio Cesare Procaccini 4, Milano

Halloween con Frida

In occasione di Halloween due speciali visite guidate con laboratorio per le famiglie nell’ambito della mostra “Frida Kahlo. Il Caos Dentro”

Arte e cultura

31/10/2020



26/11/2020
09:30
Mudec, Via Tortona 56, Milano

Robot – The human project

Un percorso che illustra l’incessante aspirazione a creare automi, i risultati e le questioni etiche e sociali intorno al tema

Arte e cultura

26/11/2020



30/10/2020
19:00
SpazioRaw, Corso di Porta Ticinese 59, Milano

Fabio Diena – Mondiali 2006

Le emozioni della vittoria ai Mondiali di calcio 2006 in Germania, narrate attraverso gli scatti del fotografo ufficiale della manifestazione, Fabio Diena

Arte e cultura

30/10/2020



30/10/2020
12:00
AB - Il lusso della semplicità, Viale Belisario 3, Milano

Rosso: la nuova mostra da AB – Il lusso della semplicità

Nel ritratto e nello still life, nel reportage e nella ricerca: il ‘rosso’ al centro della nuova collettiva fotografica del ristorante-galleria di Alessandro Borghese

Arte e cultura

30/10/2020

© Copyright Mymi - Powered By