Ragionamenti sul sacro

Arte e cultura
Condividi
Il giovane artista Ludovico Bomben e l’artista del Secondo Futurismo torinese Fillia a confronto nella nuova mostra della galleria Il Vicolo
Il giovane artista Ludovico Bomben e l’artista del Secondo Futurismo torinese Fillia a confronto nella nuova mostra della galleria Il Vicolo

Conclude la stagione dedicata ai cinquant’anni della galleria Il Vicolo la mostra “Ragionamenti sul sacro” che vede il confronto tra un giovane artista, Ludovico Bomben (1982) e l’artista del Secondo Futurismo torinese Fillia (1904 – 1936) e sarà inaugurata giovedì 11 ottobre.

Appartenenti a epoche diverse gli artisti si incontrano nell’affrontare il tema del sacro, carico di retaggi simbolici.

In esposizione alcune grandi tele degli anni Trenta di Fillia che si riallacciano ai temi classici della tradizione cristiana (La Sacra famiglia, L’itinerario della Passione, Eternità) reinterpretati con quello sperimentalismo avanguardistico in rottura con le forme artistiche tradizionali proprie dell’epoca.

Le opere di Ludovico Bomben invece (in mostra troviamo sculture in metallo, corian  ma anche alcune tecniche miste su carta) si svestono della rappresentazione religiosa iconografica per restituire la “sensazione” evocativa e spirituale del legame col simbolo.

In Acquasantiera per esempio l’attenzione è riposta nella gestualità legata all’acqua, partendo dal gesto per eccellenza, il sacramento del battesimo dove il rito si compie ogni volta che le nostre mani toccano l’acqua. La forma ha la funzione di veicolare la nostra attenzione intorno al rito che si compie.

In altri casi invece le effigi diventano nuove immagini sacre contemporanee. Le icone si liberano della loro rappresentazione formale e oggettiva per farsi esse stesse simbolo di un concetto più ampio. Così la figura del Santo diventa generica e lascia il posto ad una scultura che rappresenta il “simbolo” nella sua totalità, ripulito da ogni condizionamento.  Per Bomben  non è più la cultura a dettare l’azione rappresentativa ma il nostro proprio sentire la tradizione cristiana, più accomodante e senza idoli.

Giovedì 11 ottobre 2018, ore 18.00
In mostra fino al 24 novembre 2018
Orari: da martedì a sabato, dalle 11.00 alle 19.00

Data e luogo

Dal 11 ottobre 2018 - 18:00
al 24 novembre 2018 - 19:00
Il Vicolo, Via Pietro Maroncelli 2, Milano
Arte e cultura
Condividi

Articoli Correlati



24/10/2018
19:00
Hangar Bicocca, Via Chiese 2, Milano

Mario Merz – Igloos

A cinquant’anni dalla creazione del primo igloo, Pirelli HangarBicocca riunisce nei suoi spazi le opere più iconiche del celebre artista Mario Merz

Arte e cultura

24/10/2018



29/10/2018
20:45
Teatro Manzoni, Via Alessandro Manzoni 42, Milano

Marco Pannella: colpevole o innocente?

Al Teatro Manzoni al via la 10° edizione del “format che cambia la Storia” a cura di Elisa Greco. Al centro del dibattito/processo: Marco Pannella

Arte e cultura

29/10/2018



23/10/2018
18:00
Le Biciclette, Via Torti 2, Milano

SKYLERSPACE N. 02 – The exhibition project

Skyler presenta a Le Biciclette di Milano una selezione di collage e installazioni proto-tipo che affrontano le tematiche controverse della società post-moderna

Arte e cultura

23/10/2018



27/10/2018
10:30
Giardino della Triennale, Viale Emilio Alemagna 6, Milano

Flavio Lucchini – Ghost

Nel Giardino della Triennale l’installazione di Flavio Lucchini – un perfetto connubio tra arte e moda – che celebra i suoi 90 anni

Arte e cultura

27/10/2018

© Copyright Mymi - Powered By