La Torre Velasca sarà ‘americana’

MyMi News
Condividi
Lo storico grattacielo 'brutto' di Milano passa agli americani del colosso immobiliare statunitense Hines. Come diventerà la nostra Torre Velasca?
Lo storico grattacielo 'brutto' di Milano passa agli americani del colosso immobiliare statunitense Hines. Come diventerà la nostra Torre Velasca?

Progettata nella prima metà degli anni ’50 da studio BBPR e costruita il 292 giorni, con i suoi 106 metri di altezza e 26 piani a pochi passi dal Duomo, la Torre Velasca di Milano è uno dei palazzi storici simbolo della città, tra i più facilmente riconoscibili per la sua struttura, uno dei pochi esempi italiani di architettura post-razionalista brutalista.

Una complessa struttura di acciaio, cemento e vetro grazie, o a causa della quale, il grattacielo milanese viene considerato allo stesso tempo un capolavoro di architettura moderna e uno degli edifici più brutti del mondo, definito in “La vita agra” da Luciano Bianciardi: il “torracchione di vetro e cemento”…

Al di là dei giudizi tecnici ed estetici – che lasciamo a chi di competenza – è notizia di questi giorni il passaggio ufficiale dell’iconica Torre milanese da Unipol al colosso immobiliare statunitense Hines guidato in Italia da Mario Abbadessa, che l’ha acquisita per circa 150/160 milioni di euro e si occuperà della completa ristrutturazione e dell’ammodernamento dello stabile, nonché della riqualificazione della piazza che lo circonda. Si stima che il costo totale dell’operazione si aggirerà intorno ai 220 milioni di euro.

In una città sempre più proiettata verso l’alto – vedi l’UniCredit Tower di Piazza Gae Aulenti, che con i suoi 231 metri di altezza alla guglia è il grattacielo più alto d’Italia – come diventerà la già imponente Torre Velasca rivisitata dagli americani?

Vuoi essere sempre aggiornato sugli eventi imperdibili di Milano?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI MYMI!

Do il consenso al trattamento dei miei dati personali finalizzato alla fornitura del servizio con le modalità indicate nell'informativa.*
MyMi News
Condividi

Articoli Correlati

© Copyright Mymi - Powered By