Il biscione di Milano: storia e leggenda di un simbolo di Milano

MyMi News
Condividi
Chi conosce realmente la città meneghina non può dimenticarsi il biscione di Milano, fonte infinita di miti e leggende. Da dove viene questo simbolo?
Chi conosce realmente la città meneghina non può dimenticarsi il biscione di Milano, fonte infinita di miti e leggende.

Quando parliamo di simboli milanesi, il primo che ci viene in mente è senza dubbio il Duomo, ricco di prestigio e potere. Milano però non è solo Duomo, non è solo Scighera, ma molto altro. Chi conosce realmente la città meneghina non può dimenticarsi il biscione di Milano, fonte infinita di miti e leggende.

I milanesi lo amano chiamare “el bisson”. I più giovani, avendo perso un po’ l’uso del dialetto, lo chiamano semplicemente il biscione di Milano. Quello che però non cambia è il suo valore, la sua iconicità nella città. Non è un semplice vezzo araldico, ma è innanzitutto un vanto di antica signoria.

Emblema della nobiliare casata dei Visconti, si presenta con la testa coronata, ripiegato in un moto continuo disegnante una S. Particolare ed abbastanza inquietante per alcuni, il fatto che all’interno della bocca vi sia un bambino. Il perchè? ce lo spiega la leggenda.

Il biscione di Milano: la leggenda del drago Tarantasio e di Umberto Visconti

Una storia curiosa, una di quelle storie da film tra cavalieri, draghi e fiamme. Una di quelle storie da raccontare ai bambini più coraggiosi prima di addormentarsi. Parliamo del drago Tarantasio. Leggenda narra che durante il medioevo, un drago tormentasse insistentemente gli abitanti di Milano, in particolare i bambini, nutrendosene come se fosse un gioco. Il suo fiato pestilenziale aveva inoltre un potere: provocare la febbre gialla.

biscione di milano stemma

Ovviamente furono molti i cavalieri prodigatisi a salvatori della patria, ma il risultato fu pessimo. Chi riuscì nell’impresa di uccidere il drago che divorava i bambini? Umberto Visconti.

Il nobile, capostipite della famiglia, ebbe quel successo che desideravano molti altri. Uccise la bestia, salvando così un bambino dall’ infausta sorte. L’effigie fu quindi adottata dopo il ritorno di Umberto Visconti che scelse di celebrare la vittoria così. Molto più di un vezzo araldico quindi. Il mostro da lì in poi apparve solo sullo scudo e sull’elmo del nobile guerriero.

Ad oggi il biscione di Milano si trova in diversi luoghi della città, a partire dal Castello Sforzesco, per continuare all’interno delle chiese di Sant’Eustorgio e di Sant’Ambrogio, in Stazione Centrale e nel Duomo.

Curiosità nella curiosità? Il famoso simbolo lo ritroviamo in diversi brand moderni. Un esempio su tutti? Rappresenta il simbolo dell’Inter. E che dire del logo di Alfa Romeo?

 

Vuoi essere sempre aggiornato sugli eventi imperdibili di Milano?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI MYMI!

Do il consenso al trattamento dei miei dati personali finalizzato alla fornitura del servizio con le modalità indicate nell'informativa.*

Data e luogo

Dal 15 Marzo 2021 - 10:00
al 15 Marzo 2023 - 10:00
Castello Sforzesco, Piazza Castello,
MyMi News
Condividi

Articoli Correlati

© Copyright Mymi - Powered By