Franz Ackermann – New Neighbours

Arte e cultura
Condividi
L'artista tedesco globtrotter che con le sue istallazioni pone l'accento sui cambiamenti socio-culturali in mostra a milano da novembre 2019
L'artista tedesco globtrotter che con le sue istallazioni pone l'accento sui cambiamenti socio-culturali

L’artista tedesco Franz Ackermann sarà presenta a Milano con la mostra New Neighbours ospitata da Gió Marconi. L’esposizione verrà inaugurata giovedì 21 novembre 2019 e sarà visitabile fino al 11 gennaio 2020.

Franz Ackermann, per la quarta volte in mostra nella galleria, è una figura di spicco tra i pittori tedeschi della sua generazione. Sin da subito ha posto l’accento sui cambiamenti socio-culturali in un epoca di crescente informatizzazione tecnologica, globalizzazione e omologazione culturale.
Il lavoro dell’artista globetrotter germoglia da piccoli schizzi, le sue cosiddette Mappe Mentali, che disegna come se
fossero un diario. Attraverso questi disegni esperisce i luoghi, si appropria di essi attraverso il movimento del tratto, conservato sulla carta.

Per questa nuova mostra, Ackermann ha tratto ispirazione dalle mappe di Alighiero Boetti. Arazzi in cui le diverse nazioni sono rappresentate dai colori delle rispettive bandiere, formando raffigurazioni ideologiche del passare del tempo e dei cambiamenti geopolitici. Si afferma così al tempo stesso l’idea di un mondo unito. Utilizzando le 194 bandiere di tutti i paesi del mondo, l’artista ha creato un tappeto bandiera gigante o, come a lui piace
chiamarla, la bandiera del mondo. Ciascuna di queste bandiere è stata posizionata in maniera casuale, a significare che ogni stato conserva la propria identità nazionale, ma all’interno di una nuova configurazione geografica.

Oltre al flag carpet, diversi dipinti a olio così come una nuova serie di assemblage multi strato sono in mostra in galleria. Questi ultimi consistono di un fondo dipinto a olio, un lavoro fotografico nel mezzo, e, nella parte superiore, una stampa colorata con elementi architettonici dipinti e parti tagliate.

Dal 22 novembre 2019 al 11 gennaio 2020 –  Gió Marconi – Aperto da martedì al sabato, dalle 11-19

Inaugurazione: giovedì 21 novembre dale 19 alle 21

 

(foto di Filippo Armellin)

Vuoi essere sempre aggiornato sugli eventi imperdibili di Milano?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI MYMI!

Do il consenso al trattamento dei miei dati personali finalizzato alla fornitura del servizio con le modalità indicate nell'informativa.*

Data e luogo

Dal 21 novembre 2019 - 19:00
al 11 novembre 2020 - 19:00
Gió Marconi - 20, Via Alessandro Tadino, Lazzaretto, Milano
Arte e cultura
Condividi

Articoli Correlati



28/02/2020
19:00
PAC, Via Palestro 14, Milano

PERFORMING PAC – Made of Sound

Arte contemporanea e musica si incontrano al PAC per la terza edizione di PERFORMING PAC. Ecco tutti gli appuntamenti in programma

Arte e cultura

28/02/2020



04/03/2020
09:30
Mudec, 56, Via Tortona, Zona Tortona, Milano

Robot – The human project

Un percorso che illustra l’incessante aspirazione a creare automi, i risultati e le questioni etiche e sociali intorno al tema

Arte e cultura

04/03/2020



02/04/2020
18:30
Museo del Novecento, 1, Via Guglielmo Marconi, Duomo, Milano

Franco Guerzoni. L’immagine sottratta

Una mostra che segna l ritorno dell’artista modenese nella città dove hanno avuto luogo alcune delle sue principali esposizioni

Arte e cultura

02/04/2020



26/02/2020
19:00
Fondazione Sozzani, Corso Como 10, Milano

The Sound of the Woodpecker Bill: New York City

Una New York complessa, periferica e meno conosciuta nel libro dell’artista Antonio Rovaldi . La presentazione in Fondazione Sozzani

Arte e cultura

26/02/2020

© Copyright Mymi - Powered By